Intervento al Comitato Centrale del Pci, novembre 1970


Parlando all’Assemblea Costituente, Togliatti ebbe ad affermare, in polemica con quanti rimpiangevano il vecchio modo di fare politica della democrazia liberale, che la nuova democrazia italiana, per crescere, doveva affondare le sue radici in un impegno di massa e organizzato dei cittadini alla vita politica, attraverso i partiti.

Oggi, io credo che in una società quale quella attuale, fattasi più complessa, matura e articolata, lo stesso tema si ripropone non solo al livello dei partiti, ma delle grandi associazioni autonome, democratiche di massa e dei grandi movimenti unitari.

L’esperienza del processo di unità sindacale è certamente destinata a incidere non solamente nella realtà dei lavoratori e dei loro sindacati, ma a riproporre a forze sociali diverse, ai contadini, alle masse femminili, ai giovani, che hanno in comune l’esigenza del rinnovamento, l’obiettivo di costituirsi in organismi uni­tari, permanenti, democratici, che, proprio in quanto tali, riescono a pesare e contare nella vita sociale e politica italia­na, nel senso che spingono allo sviluppo del quadro demo­cratico, al rinnovamento del paese, alla trasformazione della società.

Contattaci

Inviaci una mail. Ti risponderemo non appena possibile!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca