dall’Intervista a Moby Dick, mensile della Fgci siciliana, giugno 1981


Il riscatto e la liberazione dei giovani – degli uomini – pre­suppone un impegno individuale, della singola persona, il rispetto delle sue propensioni e vocazioni, delle sue specifiche preferenze e aspirazioni personali nei vari campi: ma si rea­lizza pienamente e duraturamente solo attraverso uno sforzo collettivo, un’ opera corale, una lotta comune. Insomma ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno.

La famosa «demotivazione» al lavoro nei giovani è av­venuta su questi punti non risolti. Qui è avvenuta una certa rottura tra le generazioni più anziane rispetto a quelle ulti­me: qui si è prodotto il distacco dal lavoro di strati di giovani non solo in quanto il lavoro viene giudicato alienato e alienante – perché il lavoro indubbiamente è ancora tale, ­ma in quanto è divenuto un lavoro rivolto a conseguire pro­dotti, fini e risultati che invece di far crescere qualitativa­mente la società e l’uomo, li immiseriscono, li imbarbarisco­no. Troppo sbrigativamente si sono accusati in blocco giova­ni e ragazze di non voler lavorare (o di non voler studiare) solo perché rei di domandarsi e di voler discutere il perché del lavoro o il perché dello studio.

Contattaci

Inviaci una mail. Ti risponderemo non appena possibile!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca