dalla relazione al XV Congresso del Pci, marzo 1979


Determinante e nuovo è l’estendersi della riscossa fem­minile contro la secolare oppressione delle donne.

I muta­menti prodotti dall’affermarsi delle società industriali hanno creato le condizioni materiali per la liberazione della donna. Ma nei sistemi capitalistici, insieme con l’oppressione di classe, si prolunga, anche in nuove forme, la più antica sog­gezione imposta alla donna: quella nei confronti dell’uomo.

Il movimento operaio ha avuto, dal suo nascere, nelle sue espressioni più alte, coscienza di questo problema. Esso si è battuto per l’emancipazione della donna, per il suo accesso al lavoro, all’istruzione, alla vita politica. Ma questo non basta, come conferma l’esperienza storica dei paesi che seguo­no le vie socialiste, dove pure enormi progressi sono stati compiuti nell’emancipazione delle masse femminili.

Oggi, le nuove dimensioni della questione femminile mettono in luce contraddizioni che, vissute più acutamente dalle donne, ri­guardano l’intera organizzazione della vita. Il movimento operaio deve far propria la causa dell’emancipazione e libe­razione piena della donna.

Contattaci

Inviaci una mail. Ti risponderemo non appena possibile!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca