dall’intervento alla Conferenza Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai, Mosca, 1969


Noi respingiamo il concetto che possa esservi un model­lo di società socialista unico e valido per tutte le situazioni. Non si tratta solo di particolarità nazionali che dovrebbero aggiungersi alle leggi generali di sviluppo della rivoluzione socialista e di edificazione della società socialista.

In verità, le stesse leggi generali di sviluppo della società, gli stessi in­teressi essenziali e universali della rivoluzione socialista, non esistono mai allo stato puro, ma sempre e solo in realtà par­ticolari, storicamente determinate e irripetibili. Contrappor­re questi due aspetti è schematico e scolastico e significa ne­gare la sostanza stessa del marxismo.

Da una tale nostra concezione, che è marxista e lenini­sta, deriva che noi non abbiamo mai preteso e non pretendiamo affatto suggerire o dettare ad altri un qualche nostro modello di socialismo. Ogni paese ha la sua storia. Ogni par­tito opera in una realtà storicamente determinata e condizio­nante.

Contattaci

Inviaci una mail. Ti risponderemo non appena possibile!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca