Intervista a Time Magazine, 30 giugno 1975 


 È un buon compagno, ma non proprio una buona compagnia…”, disse una volta un dirigente comunista del Segretario del partito Enrico Berlinguer. Riservato e silenzioso, Berlinguer parla in un modo pacato e asciutto eppure ancora capace di diffondere un certo magnetismo. È un’anomalia in tutti i sensi. Sebbene guidi il più grande partito proletario d’Occidente, le sue fragili mani sono state raramente rovinate da un attrezzo più ruvido del timone di una barca a vela. Discendente di una famiglia aristocratica sarda di proprietari terrieri, è sposato con una cattolica praticante, ma è egli stesso un ateo. 

I comunisti non hanno problemi nel giustificare l’apparente contraddizione tra il passato di Berlinguer e i suoi ideali. In parte anche perché è una tradizione italiana il fatto che la vita di un uomo sia solo affar suo; in gran parte questo riflette l’ammirazione dei membri del partito per un maestro teorico che li ha portati verso successi imparagonabili. La scorsa settimana Berlinguer ha discusso la sua “filosofia” con i corrispondenti del TIME William Rademaekers and Jordan Bonfante.

Qual è secondo lei il significato delle elezioni?
Anzitutto, i risultati delle elezioni sono stati significativi per la larga e vigorosa volontà di cambiamento espressa nello sposta­mento a sinistra, e in modo particolare quello verso il Pci. Voglio dire cambiamento della politica dell’attuale governo nazionale e, in larga parte, di quelli locali. Crediamo che gli elettori hanno potuto confrontare le amministrazioni nelle zone dove i comunisti sono una forza di governo con quelle zone che sono state amministrate dai democristiani, con l’esclusione dei comunisti.

È generalmente riconosciuto, in Italia e all’estero, che i co­munisti hanno amministrato meglio rispetto agli altri. Le loro amministrazioni sono migliori in termini di pulizia e di onestà. Nessun episodio di scandalo o di corruzione è mai stato loro im­putato. Inoltre le amministrazioni di sinistra sono state migliori in termini di efficienza e di capacità di realizzazioni concrete. Soprattutto esse sono migliori perché sanno mantenere il contatto con i cittadini sollecitandoli a partecipare al processo democra­tico, a cominciare dagli organismi di base.

La prima conseguenza del voto del 15 giugno è dunque la possibilità di estendere questo modo di governare. Nelle regioni, province e comuni dove il Pci e le sinistre hanno la maggioranza, proponiamo la collaborazione con le altre forze democratiche. E anche dove le sinistre non hanno la maggioranza, intendiamo fare. lo stesso. Per forze democratiche intendo quelle forze antifasciste che hanno partecipato alla elaborazione della Costituzione italiana..

All’interno di queste forze è possibile trovare convergenze per la soluzione di problemi concreti, anche se queste convergenze non dovranno necessariamente dare luogo a maggioranze governative.

Quali saranno i riflessi delle elezioni in campo nazionale?
Il significato principale è la sconfitta dell’anticomunismo. Con ciò non intendiamo le persone che hanno opinioni diverse dai comunisti, ciò che è del tutto legittimo. Ciò che condanniamo è l’anticomunismo come esclusione preconcetta del Pci dalla di­rezione della cosa pubblica a livello nazionale e locale, col prete­sto che il Partito comunista italiano non è democratico… Il tentativo di creare un clima da crociata anticomunista durante queste elezioni – un clima simile a quello del periodo della guerra fredda – è stato sconfitto. Noi vogliamo creare un rapporto positivo fra tutte le forze politiche democratiche che hanno radici nel popolo. La creazione di questa atmosfera è la sostanza del compromesso storico.

Il processo sarà graduale?
Il processo è necessariamente graduale. Non si possono ri­solvere i problemi del paese tutto d’un colpo. Noi non crediamo di essere alla vigilia di una nostra entrata nel governo nazionale. È impossibile fare previsioni. Noi non abbiamo fretta, come ab­biamo già detto, e i risultati delle recenti elezioni non hanno cam­biato questo nostro punto di vista. Pensiamo, però, che c’è grande urgenza di risolvere proble­mi acuti, come i problemi sociali ed economici, e di risanare lo Stato. È assurdo, illusorio e irresponsabile pensare che questi pro­blemi si possano risolvere senza il contributo del partito comu­nista. Come forza elettorale, siamo quasi allo stesso livello del partito democristiano.

Quali sono le prospettive politiche immediate per i comunisti?
Nella fase immediata credo si dovrebbe puntare a stabilire rapporti costruttivi in questo parlamento. Noi non proponiamo ele­zioni politiche anticipate. Chiediamo a tutti i partiti democratici di rispettare la tendenza indicata dal voto. Se i partiti terranno conto di questa tendenza, non ci sarà bisogno di elezioni politiche.

Qual è l’originalità dei comunisti italiani?
    Esiste un orientamento secondo cui il movimento comuni­sta internazionale viene visto come un’unica entità omogenea. In­vece, esso presenta un panorama vario e all’interno di questo pano­rama c’è il Partito comunista italiano, con le sue tradizioni storiche e i suoi tratti originali. Il primo tratto caratteristico del nostro partito è che ha sempre fatto proprie le migliori tradizioni demo­cratiche e patriottiche del paese, risalendo fino al Risorgimento. Abbiamo anche dato un contributo notevole alla lotta di libera­zione nazionale, a fianco degli Usa e della coalizione di forze anti­fasciste. Il nostro partito ha lottato per garantire tutte le libertà fondamentali – la libertà di associazione, di parola, ecc. – nel quadro di un sistema sociale ed economico più avanzato, secondo la Costituzione del 1948 che consideriamo una delle più avanzate in Europa occidentale dal punto di vista democratico. E il partito comunista ha svolto un ruolo decisivo nell’elaborazione unitaria di questa Costituzione. Non abbiamo mai creduto, neanche nel 1945, che un solo partito – o una sola classe – potesse risol­vere i problemi del nostro paese.
Il Partito comunista italiano è un partito di massa, non di quadri, come lo sono alcuni altri partiti comunisti. Noi abbiamo quasi 1.700.000 iscritti. Più della metà sono operai dell’industria o lavoratori agricoli, ma abbiamo anche iscritti che sono impiegati, artigiani, intellettuali, medici, insegnanti, donne che lavorano e casalinghe: insomma il popolo lavoratore nel senso più largo. Dal punto di vista numerico, siamo il più forte partito comunista del mondo occidentale, e anche il carattere di massa del nostro partito è una garanzia contro il settarismo.

Il Partito comunista italiano è autonomo?
Intendiamo mantenere la nostra autonomia all’interno del movimento operaio internazionale. Consideriamo che il periodo dei partiti-guida nel movimento comunista sia definitivamente finito. C’è stato un periodo in cui un centro organizzato del movi­mento dei partiti comunisti dava direttive comuni e obbligatorie. Quel periodo è definitivamente passato. Noi abbiamo rapporti corretti ed amichevoli con quasi tutti i partiti comunisti del mon­do. Riteniamo che questi rapporti devono basarsi sull’autonomia assoluta in due sensi. Primo, quello ovvio che ogni partito decida in propria politica per il proprio paese in modo autonomo; e secondo, nel senso di sentirci liberi di giudicare gli avvenimenti in­ternazionali, compresi quelli nei paesi socialisti, secondo ciò che valutiamo essere positivo o negativo. Non abbiamo la presunzione di dettare le nostre i idee ad altri, ma cerchiamo di rendere evidente al nostro popolo – ed anche all’estero – le forme speci­fiche che la costruzione di una società socialista dovrà prendere in Italia: siamo convinti cioè che tale forma sarà inevitabilmente diversa dalle forme in cui quella costruzione si è sviluppata in altri paesi.
Non abbiamo rapporti amichevoli solo con i partiti comuni­sti cinese ed albanese, ma non per nostra scelta. Per un lungo periodo di tempo – per esempio, durante il Comintern – si è riconosciuta una speciale funzione di egemonia al Partito comuni­sta sovietico. Noi stessi abbiamo riconosciuto allora questa fun­zione, ma ora il sole è definitivamente tramontato su quel periodo.

Cosa avverrebbe se il Partito comunista italiano dovesse en­trare a far parte del governo nazionale?
Anzitutto, sul terreno della politica interna, ci sarebbe l’av­vio di importanti riforme sociali, quali quelle della casa, della scuo­la, della sanità, dell’urbanistica. Poi, spingeremmo per un gran­de progresso della produzione agricola e di quella industriale, por­tando avanti un processo di modernizzazione tecnologica. C’è ur­gente e pressante bisogno di una riconversione e di un ammoder­namento dell’apparato produttivo italiano, sia per soddisfare la domanda interna, sia per far fronte alla concorrenza internazio­nale. In secondo luogo, e questo è di vitale importanza, promuo­veremmo un risanamento morale della vita politica, sociale e giudi­ziaria dell’Italia. Questo è stato uno dei principali temi della nostra campagna elettorale: porre fine alla corruzione e alle disfunzioni sia all’interno dell’amministrazione pubblica, sia all’interno dei partiti. Queste cose sono molto sentite dal popolo. Ad esempio, la macchina fiscale in Italia è una delle più caotiche, ingiuste e inefficienti del mondo occidentale. Vogliamo porre fine alla com­mistione fra i centri pubblici e privati del potere economico, e fra questi gruppi e i partiti. Lavoreremmo anche per porre fine al vasto sistema di clientelismo, che è fonte di tanto spreco. Esiste un nesso fra la criminalità comune e il disordine politico, e fino a che non elimineremo la corruzione – specialmente in alto – non possiamo aspettarci grossi cambiamenti al livello della criminalità di strada.

Quale è la vostra posizione sulla Nato?
Sul terreno dei rapporti internazionali, noi non proponiamo che l’Italia ritiri la sua adesione dalle organizzazioni internazio­nali alle quali appartiene, né lo proporremmo se facessimo parte del governo. Parlo in particolare della Cee e della Nato. Questa non è una posizione tattica. Siamo arrivati a questa conclusione sulla base di un’attenta analisi della situazione internazionale e degli interessi dell’Italia. Attualmente è in atto un processo di distensione nel mondo. Gli Usa e l’Unione Sovietica sono i mag­giori architetti della distensione, ma anche altri paesi vi partecipano. Il ritiro unilaterale dell’Italia dalla Nato turberebbe l’intero processo di distensione, il quale si basa anche sull’equilibrio stra­tegico fra le forze della Nato e quelle del Patto di Varsavia. In­trodurre un elemento di squilibrio in tale processo sarebbe contro gli interessi della pace, contro i nostri stessi interessi e quelli di altri paesi.

Sui rapporti con gli Stati Uniti?
Se mi permettete, vorrei parlare di certi errori di giudizio degli americani. In passato, alcuni politici degli Usa sono stati incapaci di riconoscere che i partiti comunisti dei singoli paesi erano indipendenti. C’è stata la tendenza a credere che tutti i partiti erano parte integrante di un monolito comunista. È stato il caso del Vietnam. I dirigenti americani non hanno compreso a tempo di trovarsi di fronte a una grande forza nazionale. Questi errori di giudizio sono stati pagati a caro prezzo, soprattutto dai popoli interessati, ma anche dagli americani… Per quanto riguarda il Partito comunista italiano, noi chiediamo solo che l’America non si ingerisca negli affari interni italiani.

Si tratta di un pericolo o di un fatto?
Patti di questo genere sono stati rivelati anche dalla stampa statunitense. Non solo il popolo americano, ma anche i dirigenti americani dovrebbero capire che qualsiasi tipo di ingerenza è con­trario ai loro stessi interessi più profondi.

Il pericolo di ingerenza viene solo dall’America?
No. Questi pericoli di ingerenza negli affari interni’ italiani possono anche venire da altri paesi, ma noi siamo abbastanza tranquilli al riguardo. Siamo convinti che lo spirito di indipendenza del popolo è forte, e che esso non porta alcun danno agli interessi di altri paesi né è in contrasto con lo sviluppo di nostri rapporti amichevoli con tutti i popoli.

Cosa pensa di una sua eventuale visita negli Usa?
Sarei molto contento di visitare l’America. Per me, è un mondo da scoprire. Sarei molto contento di avere l’occasione di spiegare a personalità politiche americane che cos’è in realtà la nostra politica, dato che essa viene spesso presentata in modo distorto.

È secondo lei possibile un fronte popolare (comunisti-socia­listi) in Italia?
Non è questo l’obiettivo per cui lavoriamo. Invece di un fron­te popolare, siamo, sì, per rapporti più stretti di collaborazione con i socialisti, ma non nel senso di costituire un’alleanza che si contrapponga agli altri partiti popolari, perché ciò ci metterebbe in contrasto con le forze popolari cattoliche che stanno sia all’in­terno del partito democristiano che al di fuori di esso.

Se i comunisti dovessero andare al governo, lei vi parteci­perebbe?
Non ho nessun desiderio personale di partecipare al governo. Dal mio punto di vista, ho già abbastanza da fare.

Con la grande unità del’ compromesso storico, come potreb­be funzionare la democrazia parlamentare senza un’ effettiva oppo­sizione?
Ci sarebbe l’opposizione di destra. Attualmente ci sono i fascisti. Però, le forze di destra che si opporrebbero alle riforme sociali non sono solo i fascisti. Il problema sarebbe di avere un governo la cui base di consenso fosse sufficientemente larga per far fronte a quella opposizione in modo democratico.

Contattaci

Inviaci una mail. Ti risponderemo non appena possibile!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca